giovedì 28 novembre 2013

Torta di mais, frutta secca e gianduia


Chiedete ad un bambino di disegnarvi il cielo. Con ogni probabilità lo tingerà saturo di azzurro e nella veste notturna lo punteggerà di stelle. Eppure qui in pianura padana il cielo è assai di rado come lo dipingono i bimbi. Per lo più è bianco lattiginoso o di un grigio indefinito. Persino in estate perché il manto di umidità tiene ben nascosto l'azzurro.
E' per questo che amo giornate come quelle di questi giorni in cui il vento del nord lucida di blu il cielo e la notte fa rilucere le stelle. L'autunno sta per passare il testimone all'inverno ma gli alberi non hanno ancora perso del tutto le foglie. La luce radente del sole ne esalta le sfumature rosso arancio e giallo ed il vento le fa librare nell'aria in una danza colorata. E' la magia della natura che, fino all'ultimo istante di vita delle foglie, sa regalare bellezza. L'aria è asciutta e trasparente e profuma di montagna. Ha un che di frizzantino ed elettrizzante. E' fredda e pela il viso e mentre pedalo spedita verso casa mi lacrimano persino gli occhi. Ma una tazza di thé bollente ed una fetta di torta soffice e profumata riscaldano e confortano.

Da "Le torte di una volta" - Edizioni Boscolo

Ingredienti per una tortiera da 26 cm di diametro
250 g di zucchero semolato
100 g di uova intere (2 medie)
125 g di tuorli d'uovo (il tuorlo di un uovo medio pesa 18-20 g)
250 g di burro fuso tiepido
100 g di farina 0
125 g di farina di mais fioretto
25 g di fecola di patate
100 g di mandorle (o farina di mandorle)
50 g di nocciole (o farina di nocciole)
120 g di noci tritate grossolanamente
80 g di cioccolato gianduia
5 g di lievito chimico (mia aggiunta)

Ridurre in farina le mandorle e le nocciole frullandole con 50 g di zucchero.

In planetaria con la frusta o in un recipiente con uno sbattitore casalingo, montare lo zucchero con le uova ed i tuorli d'uovo, precedentemente tolti dal frigorifero in modo che raggiungano la temperatura ambientale (22/24 °C).
Aggiungere, mescolando lentamente a mano con una spatola, le farine precedentemente setacciate e miscelate tra loro ed il lievito, alternandole al burro fuso.
Da ultimo aggiungere le noci ed il cioccolato gianduia tagliato a pezzetti.
Cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per 45 minuti.
Io ho decorato con nocciole caramellate e riccioli di cioccolato gianduia.


24 commenti:

  1. I tuoi dolci mi lasciano sempre a bocca aperta!!!! baci

    RispondiElimina
  2. Oggi mi sono lasciata anch'io accarezzare il viso da questa luce trasparente, dall'aria deliziosamente tersa e dai colori vivaci, tanto da far quasi male agli occhi. Li ho bevuti quasi avidamente, perchè come dici tu in pianura è merce rara, specie in inverno. Questo dolce ha un aspetto favoloso, e riprende perfettamente i colori di questa stagione ;-)

    RispondiElimina
  3. Bellissima quest'immagine che hai lasciato; sembra quasi di vederlo questo paesaggio un pò nostalgico e autunnale che lascia il posto all'inverno e che cambia i colori; una descrizione da scrittrice :) E questa torta? Sa tanto di autunno, mi ispirano tanto le creazioni con ingredienti nuovi e non scontati e come sempre c'è un tocco di classe nella realizzazione della foto! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  4. adoro queste torte, rustiche e deliziose...ha un connubio di ingredienti che mi fa impazzire!

    RispondiElimina
  5. Bellissima questa torta, prioprio bella!! Un bascione!

    RispondiElimina
  6. ci pensavo ieri sera tornando a casa, ho guardato distrattamente in su e riportato lo sguardo sulla via di casa, non so pechè, mi è parso di aver intravisto qualcosa di strano, per lo meno a Milano..e a Novembre... punto di nuovo il naso all'insù e.. Toh, mi sono detta, le stelle!! fa un freddoooo, meglio scaldarsi con il tè e una fetta della tua deliziosa torta :D

    un bacione
    sabrina

    RispondiElimina
  7. Torta splendida, complimenti davvero!
    Poi...da un blog che si chiama coccole di dolcezza cosa può nascere se non una dolce coccola? :)
    Grazie di aver partecipato al nostro contest, aggiungo subito la tua ricetta!
    Ciao e a presto,
    Silvia

    RispondiElimina
  8. Eh si, dopo una pedalata nel freddo dell'inverno ci vuole proprio una bella fetta di torta come la tua che riempie il cuore e il pancino! Brava anche per la decorazione: riesci a rendere chic anche una semplice torta della nonna! Ma come fai!!?

    RispondiElimina
  9. Che poesia Cri. Nei tuoi post e nei tuo dolci.
    Quelli di una volta, come sai, sono quelli che amo di più.
    Grazie per questa ricetta!
    Abbracci Leo

    RispondiElimina
  10. In questi ultimi giorni, portando fuori il cane di sera ho notato anch'io come il cielo terso ci regala la vista magnifica di una miriade di stelle luccicanti: sembrano così vicine! Poi voltando lo sguardo a nord, vedo le cime innevate del Grappa! Uno spettacolo! ;-)
    Peccato che rientrando al calduccio mi manchi una bella fettina di torta come questa!

    RispondiElimina
  11. che inizio poetico e meraviglioso amica mia...e pura poesia è anche questa torta...sarebbe bello mangiarne una fetta insieme a te, chiacchierando come due vecchie amiche :)
    Ti abbraccio !

    RispondiElimina
  12. una torta fantastica per la foto, sapore e ingredienti

    RispondiElimina
  13. Poesia le tue parole e splendida la torta accompagnata da uno scenario magico.

    RispondiElimina
  14. Cioè, Cri.. ammazza! ;D fantastica come sempre.. tu!

    RispondiElimina
  15. Ma è semplicemente stupenda!!! Questo si che è un comfort food! :-)

    RispondiElimina
  16. Anche io amo le giornate da te descritte e ti dirò, sono tornata ieri da Mantova ed è da lunedì che il cielo è così azzurro e terso, sia lì che sulle mie colline, ora che sono tornata a casa. La torta mi sa proprio di sapori antichi, la farina di mais ...le noci e le nocciole, buonissima. Brava tesoro.

    ps sto cercando di capire perchè non arrivano le mail. Mi sono iscritta anche io e in effetti non è arrivata nemmeno a me l'avviso del nuovo post di oggi. Scusami, porta pazienza e spero di risolvere al più presto.

    RispondiElimina
  17. Spettacolare, per ingredienti e presentazione, complimenti, mi piace molto! Grazie per la ricetta, inserita!

    RispondiElimina
  18. bellissima e golosa!
    un bacione
    Alice

    RispondiElimina
  19. Fa gola solo a guardarla davvero belle e soprattutto Buona.
    Baci

    RispondiElimina
  20. le tue parole eguagliano la bellezza del tuo dolce... delicato e goloso sembra la torta perfetta per godere di queste splendide giornate :D

    RispondiElimina
  21. Mamma che meraviglia questa torta...la tua descrizione delle giornate che passano il testimone all'inverno è molto bella...riflesso di un animo attento a quanto lo circonda...quando salgo su a Bologna da mio cognato vedo quel cielo e sento quel freddo pungente...ma quando, con la sfera di sole fai una passeggiata lungo i colli tutto ha un suo fascino....baci!!

    RispondiElimina
  22. Ciao. arrivo da te grazie al contest "Comfort food" al quale anch'io partecipo. Complimenti per il tuo blog, mi sono unita ai tuoi lettori e mi piacerebbe tanto che tu facessi altrettanto. A presto, Claudia
    http://www.lacucinadistagione.blogspot.it/

    RispondiElimina
  23. Cara, prepari torte più velocemente di quanto io riesca a commentare :-), perché circa il leggere, leggo, tutto. Dolci bellissimi ma adoro scoprire sempre qualche piccolo dettaglio in più della tua vita. Non sapevo che andassi in giro in bici. Non vado in bici da quando ero bambina. La città dove vivo si presta poco a questo genere di mezzo e piste ciclabili non ci sono, per cui rischi di essere lanciata in una scarpata. Invece deve essere estremamente rilassante. Un bacio

    RispondiElimina

Printfriendly